A Modena, begli esempi di integrazione

Dal sindaco Gian Carlo Muzzarelli: Grazie ai richiedenti asilo che ieri, 29 marzo, nell’ambito dell’iniziativa coordinata dal Comune di Modena Centro Stranieri organizzata in collaborazione con i volontari dei Quartieri 3 e 4, con l’importante apporto del “Comitato panchine”, hanno ripulito l’area verde che circonda la residenza Ramazzini e sistemato le panchine che, con l’arrivo della bella stagione, potranno ora essere utilizzate dagli ospiti della struttura.

Con la sistemazione dell’area verde, si sono conclusi i lavori che in questi mesi hanno interessato la Casa residenza Ramazzini, dove l’Amministrazione comunale ha realizzato interventi di manutenzione straordinaria, per complessivi 150mila euro, che hanno riguardato il consolidamento del fabbricato e il ripristino di diverse stanze dell’edificio e la cooperativa Domus, che gestisce la struttura, ha effettuato lavori di tinteggiatura e di miglioria dei locali.

L’intervento all’esterno, che oltre alla pulizia dell’area verde, ha appunto visto lo smontaggio e la sistemazione delle panchine, ha coinvolto 16 ragazzi provenienti inseriti in progetti di accoglienza.

In passato interventi simili hanno già interessato diverse scuole della città e alcune aree come la zona ex Macello.
L’attività s’inserisce nell’ambito delle iniziative promosse da varie associazioni di volontariato, insieme all’assessorato al Welfare del Comune di Modena, che vedono la partecipazione di beneficiari ospitati in progetti di accoglienza per richiedenti protezione internazionale e rientra nell’accordo sul volontariato dei richiedenti asilo che il Comune di Modena ha sottoscritto con Diocesi, Prefettura, Terzo settore e Csv.

Altre iniziative sono previste nelle prossime settimane in aree circostanti le strutture che accolgono i richiedenti asilo, come lo studentato in via delle Costellazioni.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E resta aggiornato sulle attività di Porta Aperta


ga('send', 'pageview');