Dona denaro

L’Area Promozione del Dono nasce nel 2018 con l’obiettivo di promuovere la cultura del dono all’interno dell’associazione, ma ancora di più per creare occasioni di incontro e confronto con i donatori presso la nostra sede (privati cittadini o aziende),  interessati a sostenere i nostri progetti sociali e le nostre campagne di fundraising.

Per contatti e informazioni:

Giorgio Bonini – Cordinatore area promozione del dono

 giorgio.bonini@portaapertamodena.it   345 701 4504

Mariangela Leonetti – Fundraiser  Senior – Raccolta fondi, sponsorizzazioni, partnership con le aziende e referente per i donatori

mariangela.leonetti@portaapertamodena.it  – cell 375. 5491171

Paolo Negro – Coordinatore dell’Emporio sociale Portobello

paolo.negro@portaapertamodena.it – cell 320.4393778

Dona online

Altri modi per donare

IBAN: IT 66 M 07072 12901 000000038954
EMILBANCA Via Emilia Ovest 115 Modena – N. 00000038954 – Associazione di Volontariato
Porta Aperta

Intestato a: APA Associazione di Volontariato ONLUS– via Strada Cimitero San Cataldo,117 – MODENA

Causale per le persone fisiche: *Nome e Cognome, Codice Fiscale (necessario per le detrazioni fiscali), mail e/ o indirizzo.

Causale per le aziende: Intestazione, P.iva, mail e/o indirizzo

*Specifichiamo che, la richiesta dei dati personali, e’ volta unicamente per poter ringraziare adeguatamente ogni singolo donatore.

Conto corrente postale: 000018048413 abi 07601 cab 12900 cin C

Intestato a:

APA Associazione di Volontariato – via Strada Cimitero San Cataldo,117 – MODENA

Indicare sempre la denominazione “Associazione di Volontariato Porta Aperta – ONLUS”.
Le erogazioni in denaro a favore delle ONLUS danno diritto ad agevolazioni fiscali.
I versamenti devono essere effettuati in banca o in posta e non in contanti. Conservare la ricevuta.
Nella causale ricordati di specificare i tuoi dati personali, per consentirci di ringraziarti.

Fare testamento è un atto di grande responsabilità, per sé, per i famigliari, ma anche per la comunità di appartenenza.

Tutti sappiamo che opere ed iniziative anche molto importanti, sono state rese possibili dalla lungimiranza e dalle generosità di persone che hanno guardato al di là della loro vita terrena.

Destinare, anche solo una parte, dei propri beni ad una realtà come Porta Aperta può aiutare ad un grande miglioramento della vita delle persone che, anche in futuro, trovandosi in difficoltà, si rivolgeranno al nostro centro.

Un lascito testamentario può inoltre favorire lo sviluppo di Porta Aperta, vincolandolo, nel rispetto della volontà del donatore, ad un progetto, una iniziativa od un servizio specifico.

COME FARE TESTAMENTO A FAVORE DI APA PORTA APERTA?

Puoi rivolgerti per un contatto diretto con Giorgio Bonini 059 827870 – donazione@portaapertamodena.it

Oppure scarica ed inviaci il modulo cartaceo per avere maggiori informazioni. Clicca qui.

APA Associazione Porta Aperta, in quanto Organizzazione di Volontariato è attualmente iscritta nell’apposito registro con la qualifica di ONLUS – Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale e possiede tutti i requisiti previsti dal nuovo Codice del Terzo Settore (D.L. n.117 del 03/07/2017) per la futura iscrizione nel Registro Unico nazionale, non appena diverrà operativo, come Ente del terzo settore non commerciale.

I nostri benefattori, contribuendo a sostenere le attività e i progetti di Porta Aperta a favore di chi è difficoltà, possono anche beneficiare di vantaggi fiscali.

Tutti i nostri sostenitori godono, infatti, delle agevolazioni fiscali di seguito delineate per le erogazioni liberali/donazioni effettuate in nostro favore.

Per le persone fisiche:

• l’erogazione liberale, in denaro o in natura, è detraibile dall’IRPEF lorda per un importo pari al 35% dell’erogazione stessa, sino ad un valore massimo di € 30.000,00, per ciascun periodo di imposta (art. 83, comma 1, del D.Lgs. 117/2017)

• in alternativa, l’erogazione liberale è deducibile dal reddito complessivo netto fino al 10% del reddito complessivo dichiarato; qualora la deduzione sia superiore al reddito complessivo dichiarato (dopo aver operato le altre deduzioni), la differenza potrà essere utilizzata nei 4 anni successivi (art. 83, comma 2, del D.Lgs. 117/2017); tale misura risulterà più conveniente nel caso di soggetto con aliquote marginali IRPEF superiori al 35%.

Per le società e gli enti titolari di reddito d’impresa:

• l’erogazione liberale, in denaro o in natura, è deducibile dal reddito complessivo netto fino al 10% del reddito complessivo dichiarato; qualora la deduzione sia superiore al reddito complessivo dichiarato (dopo aver operato le altre deduzioni), la differenza potrà essere utilizzata nei 4 anni successivi (art. 83, comma 2, del D.Lgs. 117/2017).

Le erogazioni in denaro devono essere effettuate obbligatoriamente tramite banca (es. bonifico), ufficio postale (es. versamento su conto corrente intestato al beneficiario) oppure mediante gli altri sistemi di pagamento previsti dall’art. 23 del DLgs. 241/1997 (carte di debito, di credito e prepagate, assegni bancari e circolari). Non sono, quindi, detraibili le erogazioni liberali effettuate in contanti. Per le erogazioni liberali effettuate tramite carta di credito è sufficiente la tenuta e l’esibizione, in caso di eventuale richiesta dell’Amministrazione finanziaria, dell’estratto conto della società che gestisce la carta di credito; negli altri casi (es. assegni, bancomat), il soggetto beneficiario deve rilasciare al soggetto erogante apposita ricevuta.

APA Associazione Porta Aperta consiglia per:

• donazione tramite bonifico: la persona fisica che effettua la donazione deve presentare al Caf o al commercialista una copia del bonifico;

• donazione tramite c/c postale: la persona fisica che effettua la donazione deve presentare la ricevuta del bollettino di versamento;

• donazione tramite assegno: ai fini della deducibilità fiscale della donazione tramite assegno bancario o postale, si può chiedere a Porta Aperta una ricevuta in cui siano indicati i dati anagrafici e il codice fiscale del donante e gli estremi del versamento;

• donazione tramite carta di credito: la persona fisica deve presentare la ricevuta rilasciata dal sistema di pagamento.

APA Porta Aperta riceve donazioni in denaro esclusivamente per la realizzazione degli scopi statutari della associazione di volontariato, come sono definiti nello statuto.

Le donazioni ricevute sono impiegate per realizzare i servizi, le attività, le iniziative della associazione, così come sono presentate in questo sito e nei diversi materiali informativi di APA Porta Aperta.
I donatori hanno diritto di indicare nella causale della donazione il servizio, l’attività, l’iniziativa o il progetto specifico di APA Porta Aperta a cui intendono destinare il contributo.
I donatori possono anche vincolare la donazione ad una attività od iniziativa nuova, purché compatibile con le finalità statutarie della associazione ed approvata da suoi organi dirigenti.

L’associazione di volontariato Porta Aperta, prima di tutto attraverso i propri organi statutari, ha la responsabilità della corretta destinazione ed impiego delle donazioni.
APA Porta Aperta, oltre agli obblighi di legge in materia di bilancio delle organizzazioni di volontariato, adotta lo strumento del BILANCIO SOCIALE al fine di garantire la maggiore trasparenza possibile.
L’associazione di volontariato APA Porta Aperta garantisce ad ogni donatore, la comunicazione di avvenuta ricezione della donazione.
APA Porta Aperta associazione di volontariato, ispira la propria gestione delle donazioni alla CARTA DELLA DONAZIONE.

APA Porta Aperta associazione di volontariato, redige il proprio bilancio sociale in base alle ‘Linee guida e schemi per la redazione del bilancio di esercizio e del bilancio consolidato delle imprese sociali’ proposto dalla Agenzia per il Terzo Settore.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E resta aggiornato sulle attività di Porta Aperta

 

 

 

Italia 0039