Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Inaugurazione Studio Odontoiatrico per persone senza dimora di Porta Aperta

L’associazione Porta Aperta di Modena ha avviato in città un nuovo servizio a sostegno dei senza dimora, migranti irregolari e persone in condizioni di grande fragilità economica e sociale: si tratta dello Studio Odontoiatrico aperto presso i locali di Strada Cimitero San Cataldo 117. Lo Studio Odontoiatrico è realizzato grazie al prezioso contributo di Autostrada del Brennero SpA e la collaborazione dei Lions Club Modenesi e si aggiunge, come servizio, al supporto sanitario fornito dall’ambulatorio medico di Porta Aperta  – rinominato Centro Salute del migrante e del senza dimora Porta Aperta – attivo da trent’anni in città a favore delle persone senza dimora grazie alla presenza di 20 medici volontari, 2 infermiere e 3 persone addette alla segreteria per un totale di 5500 visite garantite in un anno a 1600 pazienti che accedono in media. 
In Emilia-Romagna, attualmente, questo tipo di servizio odontoiatrico è presente a Modena, Reggio Emilia e in fase di costruzione e avvio a Bologna; il servizio sarà garantito da 5, 6 medici odontoiatri volontari e non sarà ad accesso diretto ma verranno fissati gli appuntamenti dopo visita presso l’ambulatorio medico di Porta Aperta o invio da parte dei servizi sociali del Comune, e sono previsti 2,3 accessi a settimana.
«Per chi vive in strada, le patologie dei denti dovute a scarsa o sbagliata alimentazione piuttosto che a condizioni igienico sanitarie non garantite, sono particolarmente frequenti e problematiche, per questo abbiamo deciso di offrire questo nuovo servizio così importante – spiega il presidente di Porta Aperta Modena Alberto Caldana – Lo Studio Odontoiatrico così come lo storico ambulatorio medico di Porta Aperta sono convenzionati con l’Ausl di Modena; un grande grazie, oltre che ad Autostrada del Brennero e ai Lions Club modenesi che hanno reso possibile l’avvio di questo nuovo servizio, va al nostro Vescovo per la messa a disposizione dei locali in Strada Cimitero San Cataldo e alla Fondazione di Modena che negli anni ha sempre sostenuto l’ambulatorio. Ricordiamo che la nostra azione si diffonde anche sul territorio provinciale in convenzione con l’Ausl e le amministrazioni locali di Formigine e Vignola dove recentemente abbiamo aperto altri due ambulatori medici a favore di quelle persone che per vari motivi non possono avere la tessera sanitaria nazionale». 

Giulia

Giulia ha 28 anni e dopo una laurea in Filosofia ora lavora nel mondo della comunicazione.Da febbraio 2018 fa parte del nostro progetto “Conversiamo”, dove

Read More